Le moderne tecnologie mediche e il loro impatto sulla pratica clinica quotidiana nel servizio sanitario polacco – il dibattito nel Senato della Repubblica Polacca

Home / Strona IT / Le moderne tecnologie mediche e il loro impatto sulla pratica clinica quotidiana nel servizio sanitario polacco – il dibattito nel Senato della Repubblica Polacca

Le moderne tecnologie mediche e il loro impatto sulla pratica clinica quotidiana nel servizio sanitario polacco – il dibattito nel Senato della Repubblica Polacca

Le moderne tecnologie mediche e il loro impatto sulla pratica clinica quotidiana nel servizio sanitario polacco – il dibattito nel Senato della Repubblica Polacca

“Le moderne tecnologie mediche e il loro impatto sulla pratica clinica quotidiana nel servizio sanitario polacco” è stato il tema della conferenza, che si è tenuta al Senato il 7 giugno 2016 su iniziativa del Presidente del Senato della Polonia Stanisław Karczewski e il prof. Henryk Skarżyński, Presidente del Comitato delle Scienze Cliniche dell’Accademia Polacca delle Scienze (PAN), vicepresidente del Consiglio Generale degli Istituti di Ricerca e il Direttore dell’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito. A questa conferenza hanno partecipato politici, medici polacchi eminenti giornalisti. Il dibattito è stato aperto da Waldemar Kraska, Presidente del Comitato Senatoriale sulla Salute, il Prof. Henryk Skarżyński e il redattore Mariusz Gujski erano i moderatori.

– L’obiettivo di questo dibattito è quello di presentare alcuni risultati innovativi della scienza e della medicina polacca e il loro impatto sulla pratica clinica – ha detto il Presidente del Senato Stanisław Karczewski. – Attraverso questa discussione, vorremmo esaminare in che misura siamo riusciti – o no – per i risultati dei ricercatori, squadre o unità specializzate ad influenzare il livello dei servizi medici. (..) I progressi della medicina, anche da noi sono enormi.

Voi, Signore e Signori – ha detto il Presidente del Senato Stanisław Karczewski ai partecipanti della conferenza – voi siete i leader in questa sfida medica e tecnologica. Ma dicendo di lei, penso in particolare del paziente, perché le ultime soluzioni sono dedicate infatti ai nostri pazienti – ha detto il Presidente Karczewski.

– Grazie a tutti quelli che hanno accettato l’invito, e vogliono condividere le loro esperienze con gli altri – ha detto il prof. Skarżyński accoliendo i relatori riuniti, i rappresentanti dei media e gli ospiti. – La formula di incontri non è nuova, perché il Comitato dell’Accademia delle Scienze Cliniche dell’Accademia Polacca delle Scienze (PAN) ha già organizzato un dibattito simile con i media. Questo è un ottimo modo per promuovere i successi della scienza nella società polacca – ha detto il prof. Skarżyński.

Alla conferenza, riferendosi al venticinquesimo anniversario dell’inizio del programma di trattamento della sordità in Polonia e il ventesimo anniversario della fondazione dell’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito, ha tenuto una conferenza sul Trattamento della sordità parziale – la scuola polacca nella scienza mondiale.  In seguito presentiamo il suo riepilogo dettagliato.

Il trattamento della sordità totale, congenita o acquisita con un impianto cocleare è l’unica possibilità di riportare il paziente al mondo dei suoni in qualsiasi età. Da oltre 40 anni, questo metodo di trattamento è stato utilizzato in circa 200.000 persone in tutto il mondo. L’uso di impianti cocleari per il trattamento della sordità parziale classica è un periodo di meno di 15 ultimi anni. Questo metodo di trattamento, in questo senso è stato lanciato nella medicina mondiale dal prof. Henryk Skarżyński nel 2002. Questa svolta è stata preceduta dal lavoro dell’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito (IFPS) dal 1997.

Essi erano dedicati al salvataggio da qualsiasi udito residuo che può essere integrato dal “nuovo udito” ottenuto tramite un impianto cocleare impiantato. Lo sviluppo di un tale concetto di terapia e di metodo chirurgico è stato una grande sfida per gli oto-chirurghi, così come per altri medici, ingegneri clinici e specialisti coinvolti nella riabilitazione.

Inizialmente la conservazione dell’udito residuo, e dal 2002, un buon udito nelle basse frequenze ha consentito al paziente di comprendere il discorso prima del posizionamento dell’impianto in 5-16 percento. L’integrazione dell’udito con stimolazione elettrica consente una completa comprensione del linguaggio e della libertà di comunicazione con l’ambiente. Questo approccio rivoluzionario alla scienza e alla medicina significa che la stimolazione elettrica è possibile in un orecchio interiore che ancora funziona parzialmente, che non è completamente in accordo con la teoria di un’onda propagata, per la quale il prof. G. von Bekesy ha ricevuto il premio Nobel nel 1961.

Da 13 anni nel Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito si esegue il più grande numero delle operazioni nel mondo che migliorano l’udito. I criteri della scuola nella scienza moderna sono generalmente noti. Abbiamo bisogno di un leader o di un gruppo di leader che dimostra i grandi risultati scientifici e clinici documentati, abbiamo bisogno di un team multidisciplinare di collaboratori, consigliamo anche la presenza di un vasto gruppo di esperti e partner internazionali, rappresentanti dei principali centri scientifici del mondo. Il risultato del lavoro dei leader, dei collaboratori e dei partner dovrebbe essere significativo, preferibilmente il maggior numero di pubblicazioni e presentazioni originali presentati nei principali congressi scientifici continentali e internazionali nel campo della scienza e della medicina.

Un grande o ancora meglio il più grande materiale clinico supportato da osservazioni pluriennali è un sucesso che conferma i risultati e il significato della “scuola”. Un indicatore molto importante, che conferma l’esistenza e l’importanza dei risultati della scuola, sono anche testimonianze, distinzioni, citazioni e opinioni nel campo concreto della scienza. Il trattamento della sordità parziale – come scuola polacca nella scienza mondiale soddisfa tutte le condizioni sopra menzionate.

Il programma che unisce l’udito ottenuto nella via acustica con l’udito ottenuto nella via elettrica dopo il posizionamento di un impianto lanciato nel 1997 da Skarżyński ha riunito nell’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito un gruppo di più di 50 specialisti medici: medici ingegneri, clinici, psicologi, pedagoghi, logopedisti e tecnici. Hanno il contributo scientifico, clinico, didattico e organizzativo ai risultati della “scuola”. I leader dell’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito sono autori di diverse centinaia di pubblicazioni e presentazioni, tra cui collaboratori, partner e coautori di 52 scienziati provenienti da 34 paesi.

Negli anni 2000 – 2016 il team dell’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito (in collaborazione con i suoi partner stranieri o da soli) ha presentato ai congressi continentali in otorinolaringoiatria e audiologia e nei campi relativi – 2135 presentazioni. Parallelamente, lo stesso gruppo ha pubblicato 1564 opere su tutti gli aspetti della diagnosi, del trattamento e della riabilitazione della sordità parziale. Studi successivi, analisi e osservazioni di diversi anni che riguardano il gruppo più grande del mondo dei pazienti parzialmente sordi – 3176.

Parlando della “scuola polacca”, vale la pena notare alcune attività e date cruciali. Nel 2000, ai congressi europei di Anversa e Berlino, il prof. Henryk Skarżyński e il dottore ing.Artur Lorens, libero docente hanno presentato le prime relazioni sui valori dell’udito residuo non funzionale. La conservazione di questo piccolo udito dopo l’intervento chirurgico del posizionamento di un impianto cocleare è importante per sostenere la riabilitazione dell’udito e della favella e per preservare la struttura intatta dell’orecchio interno, che in futuro permette d’applicare i metodi di trattamento innovativi.

Allo stesso tempo l’applicazione in questa fase del trattamento della sordità parziale utilizzando un impianto cocleare consente lo sviluppo di udito, favella e padronanza di una o più lingue. La seconda fase critica, riferendosi alla sordità parziale classica, è stata la performance della prima operazione del mondo del posizionamento dell’impianto in un adulto dal professore Henryk Skarżyński nel 2002. Prima di questa operazione pionieristica, il paziente riceveva liberamente solo basse frequenze, fino a 500 Hz. Per il resto l’orecchio era completamente sordo.

La conservazione dell’udito dopo l’operazione nell’intervallo di ricevere dei toni bassi dopo il completamento dei toni rimanenti attraverso la stimolazione elettrica ha portato allo sviluppo dinamico di questo orientamento di ricerca e pratica clinica. Dopo 2 anni di osservazione dei pazienti adulti operati nell’ Instituto il prof. Henryk Skarżyński ha eseguito la prima chirurgia dell’impianto cocleare a livello mondiale nei bambini con perdita uditiva parziale. Inoltre, nel 2009 ha presentato la prima presentazione al mondo sul trattamento di questa malattia, mentre nel 2010 è comparso una pubblicazione che presenta il concetto Skarżyński riguardo al trattamento di vari gruppi di pazienti sofferenti la sordità parziale. Ciò significava tenere conto di tre criteri:

a/ utilizzare il metodo chirurgico dei “6 passi” di Skarżyński,

b / selezionare e utilizare un approccio all’orecchio interno attraverso la finestra rotonda come il modo più fisiologico,

c / utilizzare diversi sistemi di elettrodi flessibili tra loro l’elettrodo Cochlear SRA – progettata da Skarżyński [12].

La continuazione dello sviluppo del programma di trattamento di sordità parziale si è svolta nell’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito. Contemporaneamente, il prof. Skarżyński e il suo team stanno diffondendo questo metodo in tutto il mondo, presentando i loro obiettivi in tutti i principali congressi scientifici mondiali e continentali. Queste presentazioni sono state completate da dimostrazioni delle operazioni di Skarżyński in Asia, Europa ed America. Parallelamente, per la diffusione della conoscenza clinica e per garantire la formzaione ottimale della formazione, nel 2007 sono stati lanciati una serie di workshop internazionali e scientifici sul diritto d’autore (dal 2016 ci sono stati 24 edizioni) – Window Approach Workshop.

Fino al 2016 un gruppo di oltre 3.500 chirurghi provenienti da tutto il mondo ha approfittato di questo addestramento pratico, di studi sui pazienti e di osservazioni delle operazioni. Dal 2010, ogni anno, durante i giorni mondiali di teleotochirurgia nell’ambito di Live International Otolaryngology Network si tengono i presentazioni di operazioni di sordità parziale utilizzando diversi tipi di elettrodi e diversi sistemi di impianto eseguiti da Skarżyński per gli osservatori del mondo intero. Contemporaneamente, queste dimostrazioni sono presentate in diretta da diversi centri – dall’Australia, dall’Asia, dall’Europa e dalle Americhe. Essi riuniscono migliaia dei osservatori.

La presentazione della scuola polacca nel trattamento della sordità parziale è stata preceduta dal grande contributo di un gruppo internazionale di leader impegnati nell’attuazione del programma per la cura della sordità totale. I migliori in questo campo al mondo ci sono:W. House e T. Balkany dagli USA, Ch. Choaurd dalla Francia, K. Burian dall’Austria, E. Lehnhardt dalla Germania, G. Clark e W. Gibson dall’Australia. La maggior parte di questo gruppo internazionale di leader ha partecipato a conferenze organizzate dal team dell’IFPS in Polonia.

I preparativi pratici per il lancio del programma di cura della sordità nel nostro paese, il prof. Henryk Skarżyński ha iniziato nel 1991 con il sostegno della la Fondazione per lo Sviluppo della Medicina “L’Uomo per l’Uomo”. Il 16 e 17 luglio 1992, ha eseguito la prima operazione nel trattamento della sordità totale. Il continuo sviluppo del programma di trattamento della sordità totale ha portato ad una graduale espansione delle indicazioni per il trattamento della perdita dell’udito con impianti cocleari. Questo ha formeto le basi per il programma di sordità parziale. Nel primo periodo della sua realizzazione negli anni 2002-2008 il programma riguardava l’associazione dell’udito elettrico con la conservazione dell’udito naturale fino al livello di 500 Hz.

Negli anni successivi, il completamento elettrico è stato applicato fino al livello di 750Hz e 1000Hz. Il successo più grande c’erano le prime pubblicazioni del mondo degli anni 2014 e 2015, in cui Skarżyński ei suoi colleghi hanno presentato la possibilità di un trattamento della sordità parziale, mantenendo l’udito naturale fino a 1500 Hz. Nella pratica clinica, ciò significa la possibilità di trattare i pazienti con questa perdita di udito in qualsiasi età. Questo apre anche le nuove prospettive per il trattamento dell’udito degli anziani. Fino a tre quarti di persone di età superiore ai 70 anni hanno diversi problemi di udito che interferiscono con la comunicazione quotidiana. In tutto il mondo, decine di milioni di persone hanno perdita uditiva parziale classica a oltre 1500 Hz.

Quindi queste le persone non sono sorde. Nelle prove diagnostiche eseguite in silenzio, la loro comprensione del linguaggio può raggiungere il livello del 40-60%. Tuttavia, in condizioni standardizzat le prova dell’udito in rumore e queste condizioni sono le più simili a quelle naturali, l’intelligibilità del discorso scende al 11-22%. Ciò provoca la separazione progressiva, il ritiro, e nel numero crescente di pazienti – le depressioni profonde. Nelle società moderne, questo gruppo sta diventando sempre più numeroso, che significa che la sordità parziale oggi può essere considerata un problema sociale.

Negli secoli a cavallo XX e XXI alcune squadre di tutto il mondo hanno rivolto attenzione al problema della conservazione dell’udito non funzionale residuo e quindi a mantenere l’integrità della struttura dell’orecchio interno. La tendenza avviata da una squadra dell’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito, in particolare i primi risultati ottenuti nei bambini e negli adulti nel 2000 hanno dimonstrato che l’orecchio interno intatto può essere utilizzato in futuro per utilizzare le tecnologia del futuro per ripristinare e / o mantenere un buon udito a qualsiasi età.

Fino ad ora, sono stati svillupati nelle sfere varie i programmi di trattamento della sordità parziale con l’udito conservato fino a 250 e 500 Hz negli adulti. Si fa i tentativi di eseguire operazioni simili nei bambini. Le attuali indicazioni per la stimolazione acustica ed elettrica dell’orecchio intero danneggiato sono state presentate nell’ultima concezione di Skarżyński e i suoi collaboratori nel 2014. I suoi obiettivi sono presentati nel imagine seguente.

Imagine 1. L’ultima concezione del rinforzamento di udito deteriorato nelle aree indicate

a/ un rinforzamento acustico attraverso l’utilizzo dei apparecchi acustici e di impianti dell’orecchio medio (Acoustic stimulation – AS),

b/un rinforzamento elettrico per ottenere dell’udito effettivo elettro-naturale ( partial deafness treatment – electro-natural stimulation PDT-ENS),

c/ un rinforzamento elettrico dell’udito residuo solo nelle frequenze basse fino a 500Hz (partial deafness treatment – electric complement PDT-EC),

d/stimolazione combinata elettroacustica mediante l’utilizzo di un apparecchio acustico e di un impianto cocleare ( partial deafness treatment – elektro-acoustic stimulation PDT-EAS),

e/stimolazione elettrica solo nei casi in cui la struttura dell’orecchio interno e l’udito residuo non funzionale sono mantenuti ( partial deafness treatment – electric stimulation PDT-ES).

La ricerca di metodi standardizzati per valutare i risultati della terapia in diversi gruppi di pazienti da un punto di vista qualitativo e quantitativo è stata estremamente importante per la « scuola polacca ». Lo scopo di Skarżyński e del team dell’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito c’era d’avviare un lavoro all’interno del gruppo globale di HeaRring che ha portato all’elaborazione di una prima scala scientifica di questi risultati. Nel 2012 è stata ellaborata e pubblicata la scala Skarżyński e i suoi collaboratori, che ora permette di archiviare e confrontare i risultati del trattamento chirurgico di gruppi più grandi di pazienti. Il lavoro di un gruppo di decine di eminenti scienziati provenienti da tutto il mondo ha contribuito in modo significativo al consolidamento della posizione della “scuola polacca” nella scienza e nella medicina moderna.

L’argomento finale che dimostra l’alta posizione della “scuola polacca” nella comunità scientifica internazionale sono i citazioni, i premi, i menzioni onorevoli assegnati da organi scientifici e di esperti. Nel 2015 Erixon e i collaboratori nella rivista con il numero più alto di pubblicazioni in questo campo della scienza  Ear & Hearing hanno dichiarato: “Skarżyński ha proposto il primo gruppo di pazienti con PDT-EC separati da PDT-EAS” [26]. Nel 2011, Von Ilberg e un grande team internazionale di coautori hanno scritto nella seconda rivista dal punto di vista della posizione Audiology & Neurotology hanno sottolineato: “La squadra di Varsavia ha esteso i criteri di ammissibilità a un intervento di un impianto cocleare dei pazienti con audiogrammi ripidi caduta (PDT-EC)”.

Nello stesso articolo, è stato sottolineato: “Finora, Skarżyński ha riferito solo sull’uso della stimolazione elettro-acustica nei bambini”. Nella sintesi, si afferma: “Skarżyński con il suo team ha presentato i risultati convincenti dell’utilizzo del metodo di cura della sordità parziale (PDT) nei bambini. Successivamente – “Skarżyński ha sottolineato che per implantare i bambini con PDT, è necessario avere precedenti esperienze nell’impianto degli adulti con PDT”. Inoltre, è stato aggiunto: “La tecnica chirurgica sviluppata da Skarżyński consente di preservare l’udito nel 95-100%”. Nel 2015, Guimares e i suoi collaboratori hanno indicato nella Otorinolaringoiatria BJ : “Attualmente, la classificazione di conservazione dell’udito proposta da Skarżyński viene utilizzata più spesso. ”

Va sottolineato che l’effetto della “scuola polacca” è la crescente opportunità per i pazienti polacchi di sviluppare l’udito, la favella, lo studio delle lingue straniere e lo sviluppo di abilità artistiche – vocali e musicali. Le loro capacità musicali che sono state dimostrate durante il 1 ° Festival Internazionale di Musica “Ritmi Cochleari” sono il miglior esempio di tutto questo.

Su più di cento diversi premi e distinzioni ricevute sulla scena nazionale e internazionale dal prof. Henryk Skarżyński e il suo team per la realizzazione e la diffusione della “scuola polacca” tre sono i più notevoli. Il primo è il “Premio del XXI Secolo” – il premio principale nel concorso  mondiale “21st Century Achievement Award Winners” nella categoria di assistenza sanitaria per il Sistema di Telefitting et la Teleriabilitazione a Washington nel 2010 per via dello sviluppo e dell’implementazione dell’assistenza telemedica per i pazienti con sordità parziale.

La seconda – la Medaglia d’Oro nel concorso mondiale Prix Galien il premio principale trattato come “Oskar” o “Nobel” assegnata a Monte Carlo nel 2014 per la creazione della “Rete Nazionale di Teleaudiologia” per i pazienti con impianti cocleari.

Il terzo premio – attribuito al prof. Henryk Skarżyński, come uno dei quattro ricercatori del mondo, è il massimo onore della comunità internazionale per un straordinario contributo allo sviluppo della scienza e della medicina e per garantire le opportunità ottimali di comunicazione interpersonale nelle società contemporanee.

Il premio è stato assegnato al prof. Henryk Skarżyński tra l’altro per la sua leadership e per ispirare la comunità internazionale attraverso la creazione di un centro medico di fama mondiale dedicato al trattamento chirurgico dei disturbi dell’udito e per l’intercessione instancabile per le persone con i disturbi dell’udito in tutto il mondo.

Commentando il discorso del prof. Henryk Skarżyński la redatrice Jadwiga Kamińska ha sottolineato che nel 2002, per la prima volta al mondo, la chirurgia dell’impianto cocleare in un paziente parzialmente sordo è stato un passo molto coraggioso. Il prof. Skarżyński sapeva che l’introduzione di un elettrodo nella coclea distrugge l’ordine dell’orecchio descritto nella letteratura scientifica. Eseguendo questa operazione, il professore Skarżyński ha preso un altro rischio – ha organizzato la trasmissione di questo trattamento su Internet, e precedentemente ha informato di questo la comunità medica e giornalisti.

L’operazione è stata osservata da migliaia di professionisti provenienti da tutto il mondo. L’operazione è stata un passo memorabile nell’otochirurgia e il prof. Skarżyński, che è diventato un pioniere nell’otochirurgia globale, ha dato ai pazienti con sordità parziale la speranza di tornare al mondo dei suoni e delle nuove prospettive della vita.

Durante il dibattito, gli ospiti hanno ascoltato 10 presentazioni e commenti da parte dei rappresentanti dei media. Gli oratori erano:

Il Prof. Ryszard Piotrowicz, dottore di medicina, libero docente : XXI secolo – il tempo della telemedicina sull’esempio delle applicazioni contemporanee.

Come ha detto il prof. Piotrowicz, la telemedicina non è più un gadget, ma la condizione senza di quale è difficile immaginare l’adeguamento del sistema sanitario alle attuali realtà socio-politiche ed economiche. L’implementazione della telemedicina nel trattamento della pratica quotidiana è la chiave del successo. In Polonia, molti centri utilizzano procedure di telemedicina, ma solo nel quadro di progetti di ricerca. Esempi di sistemi attuati sono tra gli altri: la prima al mondo Rete Nazionale Teleaudiologia, telemonitoraggio di insufficienza cardiaca a casa, piattaforma TMC Cardio, teletrasmissione di ECG dall’ambulanza al laboratorio emodinamico , teleriabilitazzione cardiaca ibrida. Secondo il prof. Ryszard Piotrowicz la teleriabilitazzione cardiaca può diventare il contributo polacco alle norme europee per la gestione dei pazienti affetti da insufficienza cardiaca.

La comunicazione è stata commentata dal redattore Henryk Szrubarz: Ci saranno sempre più anziani, ma non ci saranno più medici e infermieri. La medicina non sarà meno cara non più. Fortunatamente, il mercato della telemedicina sta crescendo rapidamente nel mondo – il 12-13 percento all’anno. In Polonia, siamo all’inizio di questo percorso – la partecipazione dei servizi di telemedicina nel nostro mercato fluttua intorno all’1 per cento. Quindi abbiamo molto da fare, ma stiamo cominciando a farlo. Le proiezioni globali suggeriscono una riduzione del 30 per cento delle spese per l’acquisto di apparecchiature ospedaliere per soluzioni di telemedicina domestica. È una vera rivoluzione nella medicina!

Il Prof. Mirosław Ząbek, dottore di medicina, libero docente: L’utilizzo di radiazioni gamma come la fonte di energia terapeutica

L’idea di curare con « il coltello gamma » consiste l’utilizzo di radiazioni gamma come la fonte di energia terapeutica che si concentra sull’area del cervello colpita dalla lesione. I fasci di raggi gamma, portanti poca energia, non causano danni ai tessuti, attraverso i quali passano. Concentrandosi in un posto centrale distruggono le cellule tumorali. Il professor Ząbek ha presentato ai partecipanti gli ultimi risultati delle operazioni con il coltello gamma, che attraverso i raggi permette di eliminare tumori e altre lesioni nel cervello come la neuralgia vestibolare, neuralgia dei nervi trigeminali, hemangiomi e tremori causati dalla malattia di Parkinson.

La comunicazione è stata commentata dal redattore Paweł Kruś: Sono d’accordo con il professore Ząbek che la radiochirurgia moderna dovrebbe essere sviluppata in Polonia. Prima di tutto, perché secondo i metodi convenzionali di radioterapia il paziente deve assumere 30 sessioni terapeutiche. La radiochirugia moderna e la radioterapia riducono questo numero a 1 o 2. Purtroppo questa zona non si sviluppa continuamente, perché non esiste una strategia stabile del Ministero della Salute. Il ciclo presente richiede anche un cambiamento positivo.

Il Prof. Jan Walewsk, dottore di medicina, libero docente: Immunologia Precisa – Successi e Opportunità in Oncologia.

Il Prof. Walewski ha presentato una breve revisione dei risultati dell’immunoterapia moderna, che dimostra che, a causa dei grandi progressi della scienza, in particolare della genetica e dell’immunologia, nonché dei progressi tecnologici, sta arrivando all’ideale di medicina di precisione che riguarda l’applicazione di fattori terapeutici che agiscono selettivamente sui meccanismi che sostengono le cellule patologiche, anziché tutte le cellule del corpo, sane e malate, come avviene nel caso della chemioterapia convenzionale. L’immunoterapia ora offre una nuova possibilità per i pazienti affetti da tumore che in passato erano fuori dalla terapia razionale farmacologica e in casi di alcune malattie tumorali ha contribuito ad un significativo aumento dell’efficacia del trattamento.

La comunicazione è stata commentata dal redattore Artur Wolski: Questa area di medicina ci apre a nuovi spazi e aree da cui abbiamo potuto solo sognare. Nelle malattie in cui i pazienti ed i professionisti hanno perso la lotta per la vita, oggi – grazie ad una precisa immunologia – cominciamo ad avere possibilità.

Il. Prof., Wojciech Wojakowski, dottore di medicina, libero docente: La chiusura percutanea delle perdite paravalvolari – possibilità di evitare altre operazioni sul cuore.

Le perdita paravalvolare sono une delle complicazioni osservate nei pazienti dopo l’impianto di una protesi valvolare cardiaca. L’infezione paravalvolare, la strappo di una delle suture, il danneggiamento del tessuto intorno all’anello, o la limitazione della mobilità del disco dal coagulo possono causare perdite. La chirurgia cardiaca è un metodo preferito per curare questo tipo di malattia. Da diversi anni, il metodo di chiusura percutanea delle perdite è un’alternativa all’intervento chirurgico. Questo metodo aumenta notevolmente la sicurezza, rende possibile migliorare l’efficacia del trattamento e quindi migliora notevolmente la prognosi del paziente. La procedura per la chiusura delle perdite è costosa, ma sempre meno cara rispetto alla chirurgia convenzionale. Utilizzando il fondodel programma STRATEGMED, viene creato un nuovo dispositivo innovativo per sigillare le perdite paravalvolari.

La comuncazione è stata presentata dall’editore Ryszard Golański: il Prof. Wojakowski è rappresentante della cardiologia invasiva, che è uno dei campi della medicina in cui osserviamo lo sviluppo più dinamico. I cardiologi invasivi hanno sempre più pazienti, bambini e adulti, per cui la percentuale di pazienti che vengono alla tavola operatoria del chirurgo diminuisce sempre. L’impianto protesico delle valvole aortiche è un esempio di una tale procedura, ormai standard negli studi, nelle camere ibride e nei teatri operatori. Il metodo della chiusura delle perdite percutanee è un’innovazione nella cardiologia polacca.

Il Prof. Marek Krawczyk, dottore di medicina, libero docente: Le speranze e il pericolo di trapianto dei organi da un donatore vivente.

Il prof. Krawczyk ha presentato brevemente ai partecipanti la storia del trapianto di organi da un donatore vivente, e ha anche parlato dei vantaggi di un tale trapianto in particolare indicando che è un’ulteriore fonte di organi, la chirurgia può essere progettata, e il paziente ha migliori risultati a lungo termine. Il prof. Krawczyk ha messo una attenzione particolare alla chirurgia del trapianto di frammento del fegato di donatori viventi mostrando esempi concreti di pazienti e delle loro famiglie. Incoraggiando questo tipo di trapianti familiari, hanno anche dimostrato che i donatori vivono molto più a lungo della popolazione media.

Il commento è stato presentato dall’redattore Zbigniew Wojtasiński: Con riferimento solo ai risultati di Poltransplant per l’ultimo anno, possiamo dire che in Polonia ci sono pochi trapianti di organi da un donatore vivente. In tutto il mondo, più della metà dei trapianti (si tratta dei reni) sono trapianti di organi provenienti da donatori viventi – in Polonia il 5 per cento. I trapianti donatori viventi nel nostro paese sono il proverbiale “tallone d’Achille” del trapianto polacco. È a causa delle preoccupazioni di molti chirurghi di trapianto che non si dovrebbe recuperare gli organi di un donatore vivente perché l’operazione stessa è piena di grandi rischi e il donatore viene mutilato. Purtroppo, nel pensare in questo modo, non dovremmo fare molte altre operazioni. Nel nostro paese, abbiamo ancora il problema irrisolto di donatori altruistici non imparentati.

Il Prof. Piotr Radziszewski, dottore di medicina, libero docente: Di ruolo dei biomarcatori nel trattamento personalizzato all’esempio di urologia

I biomarcatori dicendo altrimenti sono prove per caratterizzare una malattia in un particolare paziente. Questi possono essere imaging funzionale o imaging molecolare alla fine. I biomarcatori possono anche essere divisi in diagnostici, prognostici e finalmente quelli che decidono su un metodo di trattamento. Naturalmente, le maggiori emozioni e le speranze vengono dai biomarcatori che consentono di decidere il processo di trattamento, indicando quale medicina specifica deve essere usata nel paziente. Utilizzando biomarcatori diagnostici caratterizzati da elevata sensibilità e specificità, possiamo risparmiare la cura invasiva in molti pazienti. D’altra parte, utilizzando i  biomarcatori prognostici si può prevedere che cosa accadrà con il paziente nei prossimi anni e pianificare il trattamento.

Il commento è stato presentato dalla redatrice Małgorzata Wiśniewska: Parliamo ai nostri ospiti delle malattie tumorali attraverso il prisma dei pazienti concreti. Molti di loro non vorreberano passare attraverso procedure mediche spiacevole, se non i test di genetica fatti prima. Purtroppo, questi test sono rimborsati in misura molto limitata. Da un lato possiamo avere fantastici metodi moderni di trattamento e dall’altra – mancanza di fondi per il rimborso delle prove prima del trattamento. È un grande peccato.

Il Prof. Wojciech Witkiewicz, dottore di medicina, libero docente: Delle prospettive per la robotica in medicina

Il professore ha presentato ai partecipanti della conferenza gli ultimi standard per l’utilizzo di un robot chirurgico da Vinci in chirurgia generale, oncologica, urologica, ginecologica e otorinolaringoiatrica. Il robot è composto da quattro braccia. Ognuno è dotato di strumenti chirurgici. I medici che operano con il suo aiuto dispongono di due console e, in aggiunta, l’immagine tridimensionale in un ingrandimento di dieci volte. In Europa e in tutto il mondo, i robot vengono utilizzati più spesso. Negli Stati Uniti migliaia di operazioni vengono eseguite usando un robot. Come in molti paesi europei, tra gli altri nel Regno Unito, Belgio, Danimarca e Repubblica Ceca, dove questo tipo di intervento è rimborsato al 100%. I pazienti polacchi praticamente non possono chiedere l’aiuto di da Vinci, anche se volevano pagare in parte per il trattamento.

Secondo la legge polacca, è vietato pagare i servizi medici in un ospedale pubblico. Per questo, invece di mille operazioni, il da Vinci ha contribuito alle operazioni di poche decine di pazienti. Tutti i trattamenti sono stati effettuati come parte della ricerca scientifica. Il prof. Witkiewicz ha sottolineato che il paziente operato da un robot perde dieci volte meno sangue che durante l’operazione convenzionale, si sente meno dolore dopo l’intervento chirurgico, il suo soggiorno all’ospedale rimane più corto e guarisce più veloce e torna alle attività quotidiane.

Il commento è stato presentato dal redattore Krzysztof Jakubiak: La robotica si sviluppa non solo nell’ambito della chirurgia. I robot vengono utilizzati n riabilitazione, si occupano della cura o dei vari tipi di terapia. Molto interessanti sono anche i rapporti medici sulle pillole robotiche (cosiddetta IT) che trasportano la droga nel luogo desiderato nel corpo del paziente. Recentemente hanno creato la prima infermiera robotica.

Il Prof. Wiesław Nowiński, dottore di medicina, libero docente Nuove direzioni nella medicina digitale: dai modelli virtuali ai sistemi di supporto delle decisioni

Il Professore Nowiński, che ha sviluppato più di 30 atlanti digitali del cervello, ha introdotto l’idea della sua invenzione, da cui decine e migliaia di studenti, medici e infermieri imparano e beneficiano. Queste carte del computer del cervello più accurate al mondo sono utilizzate per trattare, tra le altre cose, l’ictus e la malattia di Parkinson. L’atlante ha una risoluzione molto migliore di qualsiasi altra forma di scanner. Ciò consente ad esempio di seguire il processo di guarigione, – ha sottolineato il prof. Nowiński, aggiungendo che le mappe del cervello sono utilizzate anche per il trattamento delle complicazioni di un ictus. L’atlante ci permetterà di specificare le aree già perse e che sono esposte a sfortuna. Attualmente il prof. Nowiński pensa anche di creare un nuovo atlante progettato per la malattia di Alzheimer.

Il prof. Nowiński vuole realizzare nel nostro paese un progetto di costruzione della Polonia Innovativa con Silicon Valley Polacca. Ha sottolineato che è “la nostra grande sfida del XXI secolo”. Il progetto della creazione di Technopolis, che sarebbe il nucleo della Silicon Valley polacca, ha attirato l’interesse del vice primo ministro Jarosław Gowin.

Il commento è stato presentato dal redatore Paweł Kruś: L’idea di costruire la Technopolis a Varsavia è estremamente pragmatica, anche se può suscitare preoccupazioni. Le prime due fasi dell’attuazione dell’innovazione: la costruzione dei prototipi e la persuasione del mercato del lavoro sono i più rischiosi. Purtroppo, la spesa finanziaria per la ricerca e lo sviluppo deve essere enorme.

Il dott.Tomasz Łysoń, dottore di medicina, libero docente: Esplorazione endoscopica della base del cranio – chirurgia micro-invasiva nelle aree anatomiche più inaccessibili

L’esplorazione endoscopica della base del cranio rivela i suoi vantaggi, soprattutto quando si rimuove i cambiamenti cancerosi. La maggior parte di loro (p.es. meningiomi, adenomi) sono lesioni benigne che non infiltrano le strutture del cervello e possono essere separate da loro. La possibilità di un’ischemia tumorale precoce attraverso un approccio al posto di sua alimentazione di sangue è un vantaggio dell’eliminazione endoscopica di questi cambiamenti (oltre a evitare l’oppressione cerebrale).

Nel caso di altri tumori, ad esempio il cordoma della zona clivus anche l’eliminazione completa del tumore non garantisce l’assenza di ricorrenza, quindi la loro riduzione è un risultato accettabile della chirurgia endoscopica. La chirurgia endoscopica della base del cranio è una nuova e moderna tecnologia medica, in larga misura, basata sulla tecnologia avanzata, nonché sulle elevate capacità di un operatore. Nell’analisi dei rapporti clinici negli ultimi anni, è impossibile giungere ad altre conclusioni che il futuro della neurochirurgia appartiene all’endoscopia e che questa tecnica in diversi anni diventerà una tecnica principale se non obbligatoria delle operazioni neurochirurgiche.

Il commento è stato presentato dalla redatrice Monika Zalewska: I vostri risultati sono un ottimo esempio di ciò che accade quando scienziati, medici, insegnanti, imprenditori e politici si incontrano e parlano ascoltandosi tra loro con la gentilezza e che con rispetto si possono superare enormi ostacoli e progressi.

In sintesi, i partecipanti della conferenza sono d’accord che la medicina polacca è innovativa. Tuttavia, in molti casi, la mancanza di finanziamenti per soluzioni innovative è un problema. “Possiamo essere orgogliosi della scienza polacca. Possiamo mostrare i nostri risultati e condividere la nostra esperienza. I medici polacchi in precedenza hanno viaggiato per studiare in altri paesi per la scienza, e ora sempre più, i nostri colleghi stranieri stanno arrivando in Polonia per ottenere conoscenze ed esperienze “, ha detto il presidente del senato Stanisław Karczewski.